Gestione della posizione cliente : le 3 problematiche attuali dei credit manager

blog centralpay
posizione cliente

Gestione della posizione cliente : le 3 problematiche attuali dei credit manager

Le 15 November 2022

La “cultura cash ” è al centro delle preoccupazioni delle imprese: ridurre il BFR, aumentare il ROI e più in generale il fatturato. Tuttavia, in Francia, decine di migliaia di imprese sono penalizzate nei loro risultati e nel loro sviluppo dai ritardi di pagamento e/o di mancato pagamento. La situazione non è migliorata dopo la crisi sanitaria. Laddove il credit management deve consentire di valutare il rischio e quindi di controllare e ottimizzare la gestione dei pagamenti, le aziende devono ancora affrontare alcune problematiche di business che influiscono sulla corretta gestione del posizione cliente, della fatturazione clienti, dei crediti e delle relazioni commerciali. Ma come gestire tutto in una volta?

In questo articolo, facciamo il punto su queste problematiche e sulle soluzioni che permettono di semplificare la gestione dei pagamenti in azienda.

#1 L’allungamento dei termini di pagamento, la bestia nera della posizione cliente

Il problema principale è la gestione amministrativa delle fatture dei clienti. Nella maggior parte dei settori di attività si constata un allungamento dei termini di pagamento. Tra il 2020 e il 2021, il numero medio è passato da 34 a 52 giorni*. Quando il rischio di mancati pagamenti diventa troppo elevato, è necessario per il credit manager affrontare l’argomento della gestione dei pagamenti con i clienti per regolarizzare la loro situazione. Tuttavia, questi scambi sensibili possono causare tensioni nelle relazioni commerciali.

Di fronte a questa constatazione, diventa allora necessario accompagnare i servizi finanziari e contabili. Nell’epoca della trasformazione digitale, l’automazione delle attività si rivela più che necessaria per una migliore gestione del credit management, permettendo l’ottimizzazione della posizione cliente (fatturazione, rilanci, recupero…). In questo modo, si osserva un miglioramento della fiducia tra i servizi, una riduzione dei rischi di mancato pagamento, incassi più rapidi dei pagamenti delle fatture e un recupero dei crediti più efficace. In breve, più tranquillità per il credit manager e l’esperienza del cliente sarà solo migliore!

#2 Tracciabilità e riconciliazione, i grandi dimenticati

La maggior parte delle relazioni commerciali B2B si estende per lunghi periodi. In questa configurazione, diverse fasi si susseguono (definizione, analisi, progettazione e realizzazione), e implicano regolamenti clienti successivi. Senza una visione globale, unificata e quotidiana delle scadenze e una tracciabilità ottimale dei pagamenti effettuati, la gestione del servizio clienti può rivelarsi rapidamente un vero e proprio rompicapo per i credit manager.

Nei servizi finanziari e contabili, tenere traccia e storicizzare le entrate e le uscite in modo efficace è una necessità. Molte aziende soffrono di una gestione dei pagamenti dei clienti pericolosa e dispendiosa in termini di tempo. Infatti, quando l’importo non può far fede come identificativo per la riconciliazione, ad esempio quando le fatture hanno importi identici o errati, il processo di riconciliazione manuale cannibalizza le risorse del servizio contabile. Concretamente, questa fase di verifica degli errori dei regolamenti in entrata (riferimenti, importi…), può rapidamente diventare fonte di frustrazione.

Utilizzare un applicativo (ERP, CRM, soluzione di emissione di fatture…) dotato di una soluzione di raccolta dei pagamenti con riconciliazione automatica è una vera opportunità per ottimizzare la gestione della propria postazione cliente. L’obiettivo? Ottenere la tracciabilità e la visione in tempo reale delle richieste di pagamento inviate, dei fondi ricevuti, delle prossime scadenze di pagamento ricorrenti e dei fondi ancora in sospeso. In questo modo, le fatture vengono elaborate più velocemente, senza errori e con un monitoraggio migliore.

#3 Difficoltà di recupero crediti

Alla fine della corsa, recuperare le consistenze dei clienti permette di finanziare l’attività dell’azienda e di migliorare la sua competitività sul mercato. In questo senso, l’intervento del digitale nell’ottimizzazione del recupero crediti rapidamente è giustificato. In effetti, le prime 3 fasi dell’Order-to-Cash (accettazione dell’ordine, fatturazione, fornitura del servizio) sono controllate dalla maggior parte dei professionisti, ma il pagamento del cliente è un processo incontrollato, poiché è su iniziativa del pagatore.

Il controllo di questa fase è quindi indispensabile. Infatti, la gestione automatica delle azioni operative di recupero crediti permetterà di facilitare la relazione con i clienti legata alla gestione dei pagamenti, di permettere la pianificazione di solleciti per i trattamenti, la creazione di avvisi automatici per seguire l’avanzamento degli incassi dei clienti, dei fallimenti di pagamento o di qualsiasi altro evento verificatosi sulla piattaforma. L’obiettivo finale è consentire al credit manager di dedicare più tempo all’analisi finanziaria e all’individuazione di tutte le opportunità possibili per contribuire a ridurre il BFR dell’azienda, ottimizzando così la tesoreria. Infine, questo denaro supplementare servirà a finanziare la crescita e la competitività dell’impresa.

Pronti ad affrontare questi problemi? La soluzione CentralPay è progettata per la gestione end-to-end dei pagamenti dei clienti, della posizione cliente offrendo una spinta significativa.

LinkedIn